allenamentotrieste on sight
Arrampicata sportiva e Allenamento
arrampicata sportiva
allenamentofalesiemateriali e attrezzatureboulderingsoccorso
 


| home page

 
allenamento

Programma
Seduta in palestra
Esercizi di stretching
Sviluppo della forza
 • Esercizi dinamici
 • Esercizi statici
 • Esercizi misti




pannello pan gullich

Per lo sviluppo della forza degli arti superiori.

Pan Gullich



fotografie arrampicata e bouldering

Immagini di arrampicata sportiva e bouldering.

Fotografie



luoghi dell'arrampicata
Le zone di arrampicata sportiva a Trieste.

Falesie



- Indice allenamento

Allenamento per l'arrampicata sportiva
di Igor Bisulli

I tipi di allenamento che andremo ad illustrare sono diversi a seconda della caratterisctica fisica che vorremo sviluppare.

Le principali caratteristiche per un buon climber sono:

1. Forza
La forza sia delle dita che delle braccia, da essa dipende la capacità di eseguire un singolo movimento molto duro.
Essenziale per chi fa boulder e importante per chi pratica l'arrampicata in falesia, anche se del tutto inutile se si esaurisce dopo un movimento.

2. Resistenza alla forza
La capacità di eseguire una sequenza breve di movimenti molto intensi. Essenziale. Quasi sempre infatti capita di dover affrontare una sequenza intensa di movimenti per poi raggiungere delle prese sulle quali si possa recuperare, a patto di avere una buona resistenza.

3. Resistenza
La capacità di recuperare dall'accumulo di acido lattico (soprattutto negli avambracci) su prese che siano utilizzabili con all'incirca il 50% della nostra forza. Fondamentale sulle vie lunghe.


Non scenderemo troppo nei dettagli dell'allenamento perchè l'intento è di fornire una linea da seguire che poi verrà perfezionata con la propria esperienza. E' importante infatti capire quale sia l'allenamento adatto al nostro fisico, quali siano le nostre carenze e i nostri punti di forza.


Vedi in dettaglio:
la forza
la resistenza alla forza
la resistenza



Conclusioni

L'allenamento di solito si effettua nel periodo invernale quando le giornate non ci consentono di arrampicare con una certa frequenza.
Il periodo può durare da 3 ai 5 mesi. Tuttavia 3 mesi sono sufficienti ad effettuare un buon lavoro al termine del quale si possa acquisire una marcia in più rispetto all'anno precedente.
Il modo migliore per distribuire le sedute di allenamento è grosso modo questo: 2 sedute di resistenza alla forza, una di forza e poi riposo.
Conviene inserire gli allenamenti per la resistenza nel periodo più vicino all'inizio della nostra stagione di arrampicata.
Da non dimenticare che anche nel periodo in cui si arrampica conviene effettuare delle sporadiche sedute di forza e resistenza alla forza. Anche 1 o 2 volte al mese possono bastare.
Tutto questo discorso riguarda l'arrampicata sportiva (non bouldering o alpinismo). In tal caso dipende anche dal grado di preparazione che si ha. Tali indicazioni non sono rivolte all'arrampicatore esperto, ma piuttosto a chi voglia cominciare ad affacciarsi a gradi superiori, dal 6b.
Un ultimo cosiglio. Se la speranza è quella di sondare i limiti delle vostre capacità, allora cercate sempre di provare anche vie al di sopra di tali limiti. E' un buon modo per migliorare ...


 

| home page


| allenamento | falesie | materiali | foto | soccorso | contatti

| inizio pagina