Kasabian a Berlino

Ogni decennio ha i suoi alti e i suoi bassi, le migliori band, le peggiori band e quelle proprio inclassificabili.
Il mercato internazionale della musica non è più pronto al vero rock ‘n roll.
Quello su cui prima scommetteva l’industria discografica, vale a dire bella musica, droga, alcol, sesso e possibilmente una overdose, oggi giorno non funziona più.

Basti pensare al caso dei Motley Crue, una band che ha fatto e visto tutto negli anni ’80, decennio ricordato con tanta nostalgia da tutti coloro che almeno una volta hanno indossato giacca di pelle nera.
Il suono dei Motley Crue non si può definire uno dei più originali dell’epoca, ma molte band avrebbero poi imitato il loro stile e lo avrebbero trasformato nel pane di tutti i giorni.

Tuttavia era il comportamento selvaggio dei Motley Crue quello che attirava di più i loro fan, che per loro era vitale sapere che ancora esistesse un gruppo di giovani disgraziati che facevano di tutto e si divertivano con milioni di dollari ed era un modo per sorridere, ascoltare bella musica e uscire a cercare dei problemi. 

Il passo successivo lo diedero i Guns N’ Roses, che fino ad oggi, quasi 25 anni dopo l’uscita del primo disco, continuano a essere ascoltati dai più giovani.
A differenza dei Motley Crue, che vivevano in un continuo scandalo, i Guns N’ Roses facevano lo stesso e ancora di peggio, ma il loro rock era di molto superiore.
Il loro album Appetite for Destruction è sicuramente uno dei trofei dell’hard rock dei tempi, una combinazione elaborata di glam rock, hard rock e punk. I Guns N’ Roses però si fecero battere dai meccanismi della stessa industria che li aveva portati agli apici e solo dopo 6 anni dalla loro nascita, la band più prestigiosa di Los Angeles è collassata.
Oggi giorno rimangono solo le ceneri di quella gloria, poche, e un vecchio Axl Rose che cerca disperatamente di raggiungere la sua stella, sempre più lontana. Forse finirà a Las Vegas come Elvis.

I Kasabian non hanno a che vedere con nessuno di questi due gruppi e sono il risultato dello sfruttamento del rock alternativo anni ’90. Formatosi nel 1997, il gruppo di questi ragazzi sempre sbarbati e dalla faccia carina quando si tratta di fare video o concerti, forse riesce ad avvicinarsi all’emozione della new rock revolution, volendo intimidare con smorfie impostate il pubblico e con i vari Brit Awards alle spalle. I Kasabian a Berlino dimostrano che se ai vecchi tempi i rocker potevano andare con tutte le ragazze che volevano, adesso i rocker alla moda solo possono farle ballare, e se accade è un miracolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *