Dove andare quando si viaggia con i bambini

di | Aprile 8, 2019

Mare, Montagna o città d’arte? Le mete migliori quando si viaggia con la famiglia.

Quando si hanno figli inizia l’annoso problema di dove passare le vacanze.
La scelta più gettonata è sicuramente il mare, ma non è l’unica possibilità.

Andare al mare con i bambini

Le vacanze al mare durante l’estate sono certamente le più apprezzate dalle famiglie italiane. Caldo, relax lunghi bagni e la possibilità per i piccoli di casa di giocare sulla spiaggia.

L’Italia offre sicuramente delle coste degne di nota, ma non è l’unica possibilità anche con i bambini piccoli. Spagna, Grecia, Croazia, sono ottime mete quando si viaggia con la famiglia.

Se le lunghe spiagge di sabbia sono da preferire quando si hanno bambini piccoli, se non altro per comodità, nel momento in cui questi crescono lo scoglio assume un fascino particolare: ricco di animaletti da scoprire permette anche delle nuotate un po’ più serie adatte ai più grandi

In montagna con i Bambini

La montagna è particolarmente indicata per le famiglie con i bambini piccoli: aria pulita, la possibilità di passare molte ore all’aria aperta, cibo sano e contatto con la natura.
Sempre più località offrono attrazioni per le famiglie, ristoranti kids Friendly ed eventi per i più piccoli. Il numero di Family hotel in alcune aree montane non ha niente da invidiare alle coste più famose, e sempre più di queste strutture offrono animazione, attività per bambini, piscina e stanze per il gioco anche nei giorni di pioggia, unica vera incognita nelle località montane.

Tante le mete, per un viaggio con la famiglia: dai Castelli della Baviera alle Dolomiti, dalla Casa di Haidi, alle cime della Valle d’Aosta

Città d’arte e viaggi di cultura con la famiglia

Se si amano le vacanze all’insegna del viaggio culturale, non c’è niente di meglio che iniziare fin da subito a condividere questa passione con i propri figli.
La cosa più importante in questi casi è la gestione del tempo: se non vogliamo trasformare una bella esperienza in un tour de force, è bene dilatare tutti i tempi ed essere pronti a cambi improvvisi di programma. Se il nostro giovane accompagnatore rimarrà incantato davanti ad una statua anonima, invece che davanti alla Pietà di Michelangelo, è bene che si prenda il suo tempo. Piazze e vie possono diventare labirinti e arene di gioco, castelli da difendere o assediare. Spesso con i bambini cultura e fantasia vanno felicemente a braccetto.

I mezzi di trasporto.

La scelta del mezzo di trasporto quando si viaggia con i bambini è tutt’altro che trascurabile. Se l’automobile privata è considerata il mezzo più comodo, non dimentichiamo che un volo di due ore è sempre preferibile ad una coda sull’autostrada di cinque!
Assolutamente da evitare i bus, troppo vincolanti per i pargoli, mentre se si decide di prendere il traghetto, anche in caso di traversata diurna, d’obbligo la cabina, dove sarà possibile riposarsi, giocare e distendersi in tranquillità.

Condividi questo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *