Itinerari e percorsi enogastronomici: tappa dopo tappa in auto

di | Aprile 8, 2019

Scoprire il vino piemontesi in gita, in macchina.

Il territorio del Piemonte è tutto da scoprire, costellato com’è da città d’arte, bellezze naturali e luoghi di rilevanza storica. Ma il patrimonio unico del Piemonte si estende anche ad una ampia gamma di prodotti enogastronomici che si possono conoscere ed apprezzare grazie alla presenza di itinerari che coniugano l’arte con il sapore, la natura con il gusto. Questi percorsi si possono scoprite tutto l’anno, magari per un weekend, e se si arriva in aereo o in treno la soluzione ideale è rappresentata dal noleggio auto low cost.

Gli itinerari del vino

Ricco com’è di vini eccellenti e per questo apprezzati in tutto il mondo, il Piemonte è costellato di percorsi incentrati sull’enologia.
Come, ad esempio, le Strade del Vino: grazie al noleggio auto low cost è possibile prelevare una autovettura in una qualsiasi delle città piemontesi e recarsi in Alto Monferrato, sui Colli Tortonesi, nel Monferrato Astigiano, esplorare la Strada del Barolo e dei Grandi Vini di Langa, la Strada Reale dei Vini Torinesi o ancora la Strada del Vino Astesana.

Questi itinerari sono facilmente percorribili grazie alla frequente segnaletica che indica anche deviazioni per cantine e vigneti dove si possono scoprire le modalità di produzione dei vini, degustare prodotti tipici locali e usufruire di strutture di accoglienza e ristorazione.
Gli itinerari della gastronomia

In Piemonte, e in particolare nella provincia di Asti, in settembre prende inizio la stagione di raccolta del Tartufo Bianco d’Alba o del Monferrato.
Un ottimo itinerario per scoprire profumi e sapori di questo pregiatissimo tubero, magari percorrendo le strade con una autovettura fornita da un noleggio auto low cost, parte da Castell’Alfero e prosegue toccando i paesi di Cioccaro di Penango, Grazzano Badoglio, Moncalvo (la “capitale del tartufo bianco”), Cocconato d’Asti (dove si produce un’ottima robiola), Montechiaro d’Asti (sede, in novembre, della fiera regionale del Tartufo Bianco), spingendosi infine verso Alfiano Natta e Montemagno.

In ognuno di questi luoghi è possibile gustare le tipicità della cucina piemontese, ottimi vini del territorio e, naturalmente, il pregiatissimo tartufo bianco. Da non perdere anche gli itinerari dedicati al riso piemontese, ai formaggi tipici ed all’ottimo cioccolato gianduia.

Condividi questo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *