I diplomi più utili per entrare subito nel mondo del lavoro

di | 16 Aprile, 2019

Come fare della scuola un percorso utile ai fini del lavoro

Una decisione difficile

In questa seconda questa parte dell’anno scolastico le famiglie con ragazzi al termine della scuola media inferiore hanno già dovuto fare una pre-iscrizione alla scuola superiore ma, per fortuna, hanno ancora tempo per cambiare l’istituto scelto. Ciò è fondamentale perché la decisione è davvero importante e porterà conseguenze all’intera esistenza dello studente. Le scuole accettano cambiamenti di direzione fino al completamento delle classi. Certamente i ragazzi hanno avuto la possibilità di visitare le scuole e farsi un’idea di ciò che li attende ma, vista la giovanissima età, un ripensamento è assolutamente fisiologico.

Quali criteri di scelta usare?

Per aiutare i nostri figli a fare la scelta giusta è importante tenere presenti alcuni, semplici criteri di giudizio.

  • Quali sono le materie in cui l’intelligenza del ragazzo spicca?
  • Al contrario, quali sono gli ambiti disciplinari realmente ostici per lui/lei?

Consideriamo che il mercato del lavoro è difficile e che è importante arrivare ben preparati e sicuri di sé; quindi è meglio avere un diploma di cui si è realmente padroni piuttosto che uno più prestigioso ma che è stato preso per il “rotto della cuffia”.

Oltre a queste ci sono anche altre considerazioni da fare:

  • Considerare quali sbocchi lavorativi offre il territorio, nel caso in cui nostro/a figlio/a manifesti la volontà di non allontanarsi;
  • L’università è un obiettivo: se sì, possiamo rimandare la scelta definitiva al quarto-quinto anno di scuola superiore; diversamente, la scelta fondamentale è quella della scuola superiore stessa.

Come recuperare gli anni scolastici persi

Se esiste questo problema, è bene scegliere una scuola che possa essere conclusa in tempo. In questo modo il ragazzo avrà la possibilità di affacciarsi subito al mondo del lavoro e “recupererà” in parte il tempo perso precedentemente. L’unico modo per recuperare gli anni scolastici persi, oltre a quello di iscriversi in costosissime scuole private, è quello di “tesaurizzare” il tempo scolastico frequentando un corso di studi che apra realmente le porte d’ingresso al mondo del lavoro. Gli istituti tecnici e professionali offrono la possibilità di diplomarsi alla conclusione del terzo anno e ciò facilita ulteriormente la possibilità di recuperare il tempo.

Come si può aiutare il ragazzo nella scelta?

  • Se esiste un’attività di famiglia prospera e promettente per il futuro, cerchiamo di far notare al/la ragazzo/a quanto ciò possa essere vantaggioso per il suo futuro. Possiamo, in questo caso, promettergli di consentire una frequenza universitaria in discipline non attinenti all’attività di famiglia ma rispondenti ad interessi personali, a patto di conseguire un diploma utile a farsi carico dell’attività. Un compromesso è generalmente migliore di un eccessivo irrigidimento, seppure dettato da buon senso.
  • Se la scelta a priori è quella di non iscriversi all’Università, ha senso frequentare un istituto tecnico o professionale.
  • Fidiamoci del nostro intuito di genitori e cerchiamo di non spingere i figli verso strade che, seppure a noi gradite, possano contrastare la loro indole.

La scelta cruciale

Per scegliere una scuola che aiuti davvero ad entrare velocemente nel mondo del lavoro, è fondamentale rapportarsi con il territorio e verificare sia a livello locale sia a quello nazionale quali siano i trend più richiesti.

Negli anni sono stati realizzati diversi studi ed il risultato che ne è venuto fuori dimostra quanto sia strategica la scelta della scuola. Non è infatti dato sapere con quali contratti i ragazzi entreranno nel mondo del lavoro ma già l’ingresso in esso è un passo niente affatto scontato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *